TERZA DOMENICA di AVVENTO – B – 13 Dicembre 2020

“Gaudete”
Nella gioia l’attesa del Salvatore che viene
«Venne un uomo mandato da Dio, il suo nome era Giovanni» Giovanni 1,6

Io gioisco, Signore
Io gioisco, Signore,
anche se attorno a me è notte.
Io gioisco, Signore,
anche se nulla di quanto speravo è accaduto.
Io gioisco, Signore,
anche se lacrime solcano il mio cuore.
Io gioisco, Signore,
anche se la notte avvolge la storia.
Io gioisco, Signore,
anche se non c’è sorriso sulle mie labbra.
Io gioisco, Signore,
perché tu sei la Luce vera in questa notte.
Io gioisco, Signore,
perché tu vieni e liberi la vita.
Io gioisco, Signore,
perché solo di te la storia ha bisogno.
Io gioisco, Signore,

perché tu sei Colui che stiamo tutti aspettando.
Vieni, Signore della gioia!

+++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++
L’ANGELUS di PAPA FRANCESCO nella II a domenica di Avvento

In questi giorni, anche in tante case vengono preparati questi due segni
natalizi, (presepio e albero) per la gioia dei bambini… e anche dei grandi! Sono
segni di speranza, specialmente in questo tempo difficile. Facciamo in modo
di non fermarci al segno, ma di andare al significato, cioè a Gesù, all’amore
di Dio che Lui ci ha rivelato, andare alla bontà infinita che ha fatto risplendere
sul mondo. Non c’è pandemia, non c’è crisi che possa spegnere questa luce.
Lasciamola entrare nel nostro cuore, e tendiamo la mano a chi ha più bisogno.
Così Dio nascerà nuovamente in noi e in mezzo a noi.

TERZA FORMA DEL SACRAMENTO DELLA PENITENZA
Disposizioni richieste.
n. 33. Per quel che riguarda i fedeli, perché possano usufruire dell’assoluzione
sacramentale collettiva, si richiede in modo assoluto che siano ben disposti: che, cioè,
ognuno si penta dei peccati commessi, proponga di evitarli, intenda riparare gli scandali
e i danni eventualmente provocati, e s’impegni inoltre a confessare a tempo debito i
singoli peccati gravi, di cui al momento non può fare l’accusa. Circa tali disposizioni e
condizioni, richieste per la validità del sacramento, i sacerdoti devono accuratamente
informare e preavvertire i loro fedeli.
(disposizioni date dalla Sacra congregazione per il culto divino)
Disposizioni della diocesi di Vicenza:
Dal 10 dicembre al 6 gennaio 2021 è consentita, vista la grave necessità,
l’utilizzo della celebrazione penitenziale comunitaria con assoluzione
generale.
– È necessaria una catechesi ai fedeli sulla straordinarietà della terza
modalità, che viene autorizzata dal solo Vescovo.
– La terza forma dev’essere separata dalla celebrazione eucaristica, e
celebrata in un momento diverso.
– Si possono fare delle celebrazioni comunitarie coi ragazzi, e coi
giovani/adulti.
– Le celebrazioni comunitarie non vanno fatte in streaming.
– Rimane, dove possibile, la prima forma della confessione e assoluzione
individuale.

Con le catechiste si è pensato di cogliere questa opportunità e
invitare ragazzi e genitori a vivere questo momento sacramentale
con questo calendario:
– venerdì 18: ragazzi e genitori di V a elementare
– lunedì 21 ragazzi e genitori di I a media;
– martedì 22 ragazzi e genitori di II a media;
– mercoledì 23 ragazzi e genitori di III a media;

Gli incontri saranno in chiesa a Lobia alle ore 20.30

Tali celebrazioni saranno proposte nei pomeriggi prima
di Natale anche per gli adulti (seguirà calendario)
*************************************************************************************

Anche giovedì 17 dicembre alle ore 20.45 Elide Siviero ci aiuterà
a entrare nella Liturgia della Parola della IV a domenica di AVVENTO
facebook live “Parrocchia di San Giorgio in Bosco

Nelle Messe domenicali di domenica prossima 20 dicembre,
benedizione delle statuine di “Gesù Bambino” da collocare nei
presepi.

Giungerà (prima di Natale) nelle vostre case la busta natalizia
(teniamo conto che quella pasquale non è stata fatta).
Va consegnata in chiesa o (chi lo desidera) agli incaricati,
i quali però non ripasseranno per il ritiro.

 

Accendiamo la terza candela della corona
d’avvento °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
La scatola: il tuo dono di natale

Questa iniziativa è nata a Milano, poi si è diffusa in altre
città. La proponiamo anche a San Giorgio per coinvolgere
la comunità nel trovare un tempo e uno spazio di
condivisione in questo Natale.

L’invito è rivolto a tutte le famiglie.
Prima cosa scelgo a chi vorrei fare un dono: un bimbo/a? Un giovane?
Un adulto o un anziano?
Seconda cosa prendo una scatola da scarpe e se ho un po’ di fantasia
la decoro.
Poi scorro la lista e scelgo una cosa calda (guanti, sciarpa, calzini?), una
cosa dolce (una merendina? delle caramelle? – confezioni integre). Devo
sempre ricordarmi del destinatario – un prodotto di bellezza, sapone,
shampoo, dentifricio, crema? Un gioco (peluche, bambolina, carte, piccolo
memory…).
E poi a quel destinatario scrivo un pensiero gentile.
Metto il coperchio ma ricordo che la scatola deve potersi aprire.
Una volta preparata porto la mia scatola dono in Villa Anselmi negli orari
stabiliti.
A chi verranno donate? A famiglie che si trovano in difficoltà…
Ad anziani a persone bisognose della nostra comunità e non solo.