TUTTI I SANTI – 1 Novembre

Lieti per la sorte gloriosa
di questi membri eletti della Chiesa

Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Matteo 5,12

Sarà gioia, sarà santità!
Signore Gesù, insegna al nostro cuore
a puntare verso il cielo.
Fai sentire ai nostri desideri
il sapore dell’eternità.
Indica ai nostri pensieri le vie della vita
che Dio stesso ha tracciato.
E così sarà gioia già qui e ora.
Così sarà beatitudine in atto anche nel
nostro vivere. E così sarà santità.
Signore, tutto ciò che viviamo ogni giorno
possa essere impastato di cielo,
perché scintille di cielo brillino e illuminino la terra. Amen.
++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

La strada delle beatitudini è posta davanti a ciascuno di noi, perché
tutti siamo chiamati ad essere santi. Ce lo ricorda papa Francesco:
consacrati, sposati, lavoratori, genitori, nonni, educatori, ragazzi,
giovani «tutti siamo chiamati ad essere santi vivendo con amore e
offrendo ciascuno la propria testimonianza nelle occupazioni di ogni
giorno, lì dove si trova» (GE 14).

 

Solennità di Ognissanti e Commemorazione dei
fedeli defunti: indicazioni diocesane

In occasione della festa solenne di Ognissanti il Vescovo di Vicenza mons.
Beniamino Pizziol presiederà l’Eucarestia in Cattedrale domenica 1°
novembre alle ore 10.30. La celebrazione sarà trasmessa in diretta
da Radio Oreb. Nel pomeriggio dello stesso giorno e nel giorno successivo
la tradizione cattolica prevede la visita ai cimiteri da parte dei singoli fedeli in
occasione della Commemorazione di tutti i fedeli defunti. Questa visita
dovrà avvenire quest’anno evidentemente con grande attenzione ai
distanziamenti interpersonali e in modi tali da non causare assembramenti
che possano aumentare la diffusione del contagio. Per questo motivo la
Penitenziaria Apostolica ha esteso la possibilità di ottenere l’indulgenza per i
propri cari defunti visitando i cimiteri durante tutto il mese di novembre.
Anche la Diocesi suggerisce pertanto di far visita alle sepolture dei propri cari
anche in giorni diversi da domenica prossima.
In merito alle celebrazioni che abitualmente si svolgono nei cimiteri nei
pomeriggi del 1° e 2 novembre la Diocesi di Vicenza ha invitato i parroci
a valutare con i rispettivi sindaci (competenti per le aree cimiteriali) se
e dove sussistono le condizioni per svolgere in sicurezza tali momenti
di preghiera. La Diocesi ha comunque proibito le processioni e ha
raccomandato che i momenti di preghiera che verranno organizzati in accordo
con le amministrazioni comunali siano brevi e garantiscano il rispetto
scrupoloso di tutte le norme igienico sanitarie indicate sul protocollo che
regolamenta le funzioni religiose nelle chiese. Si raccomanda inoltre alle
persone che per anzianità o problemi pregressi risultano più fragili di non
intervenire e di pregare invece restando nelle proprie abitazioni o
partecipando alle Santa Messe previste nelle chiese.

 

Da mezzogiorno del 1° novembre a tutto il 2 novembre è possibile
ottenere l’indulgenza plenaria per i defunti alle solite condizioni, e
cioè: visita ad una chiesa o al cimitero con recita del Padre Nostro
e del Credo; una preghiera secondo le intenzioni del Papa;
confessione e comunione.
La stessa indulgenza è quest’anno estesa anche visitando
il Cimitero per TUTTO IL MESE DI NOVEMBRE

*********************************************************
Vivi il giorno d’oggi: Dio te lo dà è tuo, vivilo in lui.
Il giorno di domani è di Dio, non ti appartiene.
Non portare sul domani la preoccupazione di oggi. Il domani è di Dio:
affidaglielo. Il momento presente è una fragile passerella: se lo carichi
dei rimpianti di ieri, dell’inquietudine di domani, la passerella cede e tu
perdi piede. Il passato? Dio lo perdona. L’avvenire? Dio lo dona.
Vivi il giorno d’oggi in comunione con lui.