TERZA DOMENICA DI PASQUA – 96a GIORNATA PER l’UNIVERSITA’ CATTOLICA DEL SACRO CUORE – 26 APRILE 2020

«L’avevano riconosciuto nello spezzare il pane»

Mentre due discepoli erano in cammino verso Emmaus, Gesù in persona si avvicinò e camminava con loro. LC 24,15

Messaggio della domenica

Dopo l’insolito percorso quaresimale, si è portati a credere che la Pasqua sia la

meta, il punto di arrivo definitivo. E invece la si riscopre come una nuova partenza,

consapevole, che chiede di rimetterci per strada. Siamo tutti

in cammino, anche noi che ci accostiamo alla Parola con facilità. Se siamo onesti,

riconosciamo che i nostri sentimenti non sembrano molto dissimili dalla

disillusione e dalla tristezza dei due discepoli di Emmaus. Il loro stile di credenti

fragili che vivono la fatica della fede ci riguarda e ci descrive.

Ma non possiamo scoraggiarci. Siamo chiamati a vivere, a stare in piedi, a

camminare.

Avremo la grazia di sperimentare uno sconosciuto compagno di strada che a poco

a poco aprirà il nostro sguardo e

scalderà il nostro cuore.

 

Alcuni interrogativi che possono aiutare la riflessione personale:

Il cammino: Nel percorso di questa Chiesa, della mia concreta comunità, quali sono i segni

di delusione presenti tra la gente? E quali i segni di speranza?

Gesù pellegrino: Ne abbiamo fatto esperienza? So divenire io stesso compagno di strada di chi

è deluso?

La Parola e l’Eucaristia: La frequento? La conosco? La dono?

***************************************************************************

Celebrazioni in diretta Radio e TV

Ore 7.00 papa Francesco celebra la Santa Messa nella Cappella della Domus Sanctae Martha e

Tv 2000

Ore 9.00 Santa Messa presieduta dal Vescovo Beniamino a Monte Berico in diretta su Radio Oreb e

TVA Vicenza

Ore 10.00 dalla chiesa di S. Giorgio: “Parrocchia di San Giorgio in Bosco” facebook

Ore 11.00 Santa Messa in diretta dalla chiesa parrocchiale di Lisiera su Radio Oreb

***************************************************************************

La preghiera per la III domenica di Pasqua in famiglia:

Incontrare il Risorto – Gesù si avvicinò e camminava con loro (pdf scaricabile dal sito

della diocesi)

***************************************************************************

Sono quasi finite le scorte alimentari della Caritas (anche perché sono aumentate le famiglie in difficoltà). Si chiede di depositare le vostre offerte negli appositicontenitori che si trovano nei vari supermercati del paese. Grazie!

 

Verso la FASE 2: prime indicazioni per la ripresa della vita delle comunità cristiane

In attesa delle Indicazioni del Governo alla Conferenza Episcopale Italiana (attese a giorni),

ecco alcune prime indicazioni liturgiche e pastorali.

 

Lettera del Vicario generale rivolta ai parroci

“……….Penso che tutti ci stiamo chiedendo: “E adesso cosa facciamo? Come si continua? Quali prospettive?”

In attesa di comprendere come evolve la situazione della pandemia e dei chiarimenti tra la CEI e il Governo, a

nome del Vescovo, vi comunico alcune indicazioni per il nostro servizio pastorale:

  1. La Celebrazione del Sacramento della Confermazione dei ragazzi nelle diverse unità pastorali e anche

quella degli adulti è sospesa e rinviata al nuovo anno pastorale, quindi a partire da settembre 2020, se sarà

possibile.

  1. Le Celebrazioni del Battesimo Comunitario, della Messa di Prima Comunione, e del Sacramento della

Prima Confessione sono pure rinviate all’anno pastorale nuovo.

  1. La Celebrazione del Sacramento del Matrimonio attualmente è possibile sono con la presenza dei nubendi

e dei testimoni. Non sappiamo quali indicazioni avremo dopo il 4 maggio 2020. Per i fidanzati, che preferiscono

rinviare la celebrazione nei prossimi mesi, offriamo la possibilità di celebrare anche di domenica, al di fuori della

  1. Messa della Comunità, in deroga alle indicazioni della Diocesi al riguardo, fino alla fine dell’anno 2020. Per

quanto riguarda la validità delle istruttorie matrimoniali già completate, si derogherà al termine previsto dei sei

mesi, secondo indicazioni che verranno fornite dalla Cancelleria Vescovile.

  1. Per il rito di Commiato dei defunti, rimane in vigore l’obbligo di fare la sola preghiera e la benedizione della

salma in cimitero in occasione della sepoltura e all’obitorio prima della cremazione. Si sollecitino le imprese

funebri e i familiari dei defunti, ad avvertirvi della morte delle persone per permettere anche alla Comunità

Cristiana, rappresentata da voi, di essere presente spiritualmente al momento del Commiato.

  1. La situazione economica nelle famiglie, nelle nostre Comunità cristiane, nelle Scuole dell’Infanzia, nelle

varie Caritas locali si sta aggravando e sta diventando un’emergenza seria per tutti. Il Vescovo prevede a breve

una consultazione dei suoi Consigli per cercare di reperire e poi destinare, con l’aiuto della CEI, della Caritas

diocesana e della FISM, sostegni economici concreti.

  1. Non possiamo dimenticare i progetti di solidarietà quaresimale che avevamo già programmato. L’ufficio

Missionario sta valutando cosa sia possibile fare, confidando anche nel contributo personale di noi preti e di

tutte le persone che hanno disponibilità economiche.

  1. A proposito delle attività estive con i ragazzi (GREST, campi-scuola…) è difficile dare indicazioni precise

perché “la Segreteria Generale CEI ha incontrato sia al Viminale come al Comitato Scientifico una ferma

posizione, alla luce della convinzione che a luglio non vi saranno ancora le necessarie condizioni di sicurezza.”

(Brevi note della Segreteria Generale CEI, 13-19 aprile 2020)…………………

Restando in attesa di ulteriori e più complete indicazioni, vi saluto con gratitudine e riconoscenza.

Il Vicario Generale

Mons. Lorenzo Zaupa

 

LETTERA DEL SANTO PADRE FRANCESCO
A TUTTI I FEDELI PER IL MESE DI MAGGIO 2020

Cari fratelli e sorelle,
è ormai vicino il mese di maggio, nel quale il popolo di Dio esprime con particolare intensità il suo amore e la sua devozione alla Vergine Maria. È tradizione, in questo mese, pregare il Rosario a casa, in famiglia. Una dimensione, quella domestica, che le restrizioni della pandemia ci hanno “costretto” a valorizzare, anche dal punto di vista spirituale.
Perciò ho pensato di proporre a tutti di riscoprire la bellezza di pregare il Rosario a casa nel mese di maggio.
Lo si può fare insieme, oppure personalmente; scegliete voi a seconda delle situazioni, valorizzando entrambe le possibilità. Ma in ogni caso c’è un segreto per farlo: la semplicità; ed è facile trovare, anche in internet, dei buoni schemi di preghiera da seguire.
Inoltre, vi offro i testi di due preghiere alla Madonna, che potrete recitare al termine del Rosario, e che io
stesso reciterò nel mese di maggio, spiritualmente unito a voi. Le allego a questa lettera così che venganomesse a disposizione di tutti.
Cari fratelli e sorelle, contemplare insieme il volto di Cristo con il cuore di Maria, nostra Madre, ci renderà
ancora più uniti come famiglia spirituale e ci aiuterà a superare questa prova. Io pregherò per voi, specialmente per i più sofferenti, e voi, per favore, pregate per me. Vi ringrazio e di cuore vi benedico.

 

Roma, San Giovanni in Laterano, 25 aprile 2020
Festa di San Marco Evangelista

Papa Francesco

 

Preghiera a Maria

O Maria, Tu risplendi sempre nel nostro cammino come segno di salvezza e di speranza.

Noi ci affidiamo a Te, Salute dei malati, che presso la croce sei stata associata al dolore di Gesù, mantenendo ferma la tua fede.

Tu, Salvezza del popolo romano, sai di che cosa abbiamo bisogno e siamo certi che provvederai perché, come a Cana di Galilea, possa tornare la gioia e la festa dopo questo momento di prova.

Aiutaci, Madre del Divino Amore, a conformarci al volere del Padre e a fare ciò che ci dirà Gesù, che ha preso su di sé le nostre sofferenze e si è caricato dei nostri dolori per condurci, attraverso la croce, alla gioia della risurrezione. Amen.

Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio. Non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, e liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta.